Fuoriporta

Cadute (formalmente) le frontiere ed unificato l'intero pianeta sotto il tallone di un unico modo di vivere, ha ancora senso parlare di un qua vicino e di un lontano? Le distanze si sono accorciate a tal punto che nemmeno un continente riesce più a separare ciò che ormai è irrimediabilmente legato, sia in termini di combutta di interessi sia in termini di cospirazione di desideri. Ecco perché gli avvenimenti più distanti ci toccano come se si svolgessero appena fuori dall'uscio di casa.

Attacchiamo su tutti i fronti

Fuoriporta

Attacchiamo su tutti i fronti

Belgio: prigioni in rivolta, quartieri sotto tensione, sfruttati in collera…

 
«Si viene rinchiusi come topi. L’igiene è vergognosa e le celle fanno schifo». È dall’inizio dello sciopero dei secondini, che dura da 13 giorni, che i detenuti non escono dalle loro celle. Niente docce, niente aria, niente visite, nessuna attività, a volte neanche cibo o medicine. Molti cadono malati, preda di infezioni e di raptus. Sepolti vivi, 24 ore su 24, vengono lasciati marcire.
«Si è a un passo dalla rivolta». Dappertutto, in ogni galera, è lo stesso rintocco. I detenuti si apprestano a passare alla miglior cosa che possono fare ormai: spaccare le celle e distruggere le galere. Nelle carceri di Tournai, Arlon, Huy, Lantin, Andenne… sono già scoppiati incidenti: incendi di celle, allagamenti di sezioni, saccheggi.
«Non era mai successo». Sabato 7 maggio, una rivolta devastatrice ha scosso la prigione di Merksplas (Anvers). Intere ali sono state demolite e incendiate dai detenuti insorti. Alcuni muri sono stati rasi al suolo, le inferriate abbattute, le sezioni saccheggiate.
È questo il momento di agire. Le carceri stanno per esplodere, i quartieri sono infestati dai militari e gli sbirri strepitano, la collera degli sfruttati minaccia di lanciare un nuovo assalto contro il governo.
È questo il momento di agire. Esprimete la vostra solidarietà coi detenuti in rivolta. Date corpo ed anima alla vostra esasperazione. Sconvolgete il quotidiano fatto di rassegnazione. Lanciate una sfida sublime al potere: la sfida della libertà e della solidarietà.

Ancora uno sforzo

Fuoriporta

Ancora uno sforzo

«La gioia del risultato è già nella gioia dello sforzo [...]
La costanza del coraggio non sta nel fatto di arrivare, ma nella certezza di aver ragione»
Albert Libertad, 1908
 
Arretrare per meglio avanzare in seguito... È la strategia che il potere sembra applicare per il momento: stabilendo una pausa nella sua corsa verso la costruzione della maxi-prigione. In attesa di tempi più rassegnati per imporre la più grande prigione della storia belga. Uno dopo l'altro, i politici responsabili del progetto hanno iniziato a prendere le distanze dal loro stesso progetto, uno attraverso dichiarazioni alla stampa, l'altro non concedendo qualche permesso. Ora vengono formulati persino dei dubbi sulla legalità dell'accordo fra lo Stato e le imprese incaricate di costruire la maxi-prigione. Ma in un simile periodo di repressione contro tutto ciò che mette in discussione l'ordine, la costruzione della maxi-prigione non tarderà a tornare alla ribalta.

Ad ogni omicidio della polizia

Fuoriporta

Una sommossa ad ogni omicidio della polizia

 
La notte di lunedì 11 aprile una manifestazione, tenutasi a Montreal in risposta al secondo omicidio da parte della polizia nel giro di due settimane, ha attaccato il SPVM [Servizio di Polizia della Città di Montreal]. Sandy Tarzan Michel, un anishinaabe, è stato ucciso dalla polizia nella riserva Anishaabeg di Lac Simon, Quebec, lo scorso mercoledì 6 aprile. La polizia gli ha sparato più volte dopo averlo investito con una sua volante. Anche il fratello diciannovenne di Sandy era stato ucciso dalla polizia a Lac Simon, nel 2009.
Dopo l'omicidio di Sandy, alcune persone che vivono nella riserva si sono scontrate con la polizia locale e hanno tentato di bloccare l'ingresso della polizia provinciale chiamata ad assistere le forze locali, che ha effettuato tre arresti. Quando in Quebec la polizia uccide qualcuno, ad «investigare» viene chiamata un'altra forza di polizia, cosicché il SPVM è stato assegnato a Lac Simon.

Di fronte ai loro massacri

Fuoriporta

Di fronte ai loro massacri

... vorrebbero per di più che restassimo confinati in casa, ad aspettare. Ma aspettare cosa, esattamente?
Che piazzino militari e sbirri ad ogni angolo di strada, a sorvegliare persino il nostro minimo atto e gesto?
Che in alto riformulino le loro leggi e i loro regolamenti per non avere più alcun limite nel controllo delle nostre vite?

 

Sbirri, militari, politici, non sono la soluzione, bensì il problema.

 

I massacri commessi nel nome di Allah sono intollerabili, come 
lo sono quelli commessi nel nome di tutte le religioni, proprio di tutte, si chiamino Denaro ed Economia, Nazione e Stato, Scienza e Progresso. Tutto ciò che possono offrirci sono insulse esistenze di sottomissione.

È più che mai tempo di riprendere gusto alla vita.
È più che mai tempo di attaccare tutto ciò che l'autorità vuole imporre agli individui, prima di farsi rinchiudere del tutto.

È più che mai tempo di dissodare un sentiero che non possano recuperare, senza capi né politicanti, dove ciascuno avanzi tramite l'autorganizzazione e l'azione diretta, verso l'ignoto di una vita che valga la pena di essere vissuta.

 

In nome della sola cosa che potremmo davvero perdere per sempre, la libertà!

Sull’imminente processo in Belgio

Fuoriporta

Sull’imminente processo antiterrorista contro alcuni anarchici e antiautoritari in Belgio

 

Alla fine del 2008, in pieno periodo di ostilità diffuse scatenate dalla rivolta in Grecia in seguito all’assassinio di Alexis da parte della polizia, la Procura federale belga avvia un’inchiesta contro alcuni anarchici ed antiautoritari. Nel 2010, sulla base di un elenco di azioni che la polizia attribuisce all’«area anarchica» e mentre si sta sviluppando la lotta contro la costruzione di un nuovo centro di detenzione per clandestini a Steenokkerzeel, il giudice istruttore Isabelle Panou viene destinato all’inchiesta che rientra ormai nell’ambito dell’antiterrorismo. In maggio, e poi nel settembre 2013, nel quadro di tale inchiesta hanno luogo una decina di perquisizioni in differenti abitazioni e nella biblioteca anarchica Acrata situata a Bruxelles. È la prima volta che si palesa un’inchiesta antiterrorista.

«Io non voglio andare là. Quel campo è una galera...»

Fuoriporta

«Io non voglio andare là. Quel campo è una galera. Un modo sottile di imprigionarci»

 

La giungla non c'è più. Hanno raso al suolo quella umana di Calais, così come stanno abbattendo quella in Amazzonia. I luoghi selvaggi sono un abominio intollerabile per un mondo asettico e sterilizzato dove il solo rischio ammesso è quello di timbrare con qualche minuto di ritardo il cartellino della sopravvivenza quotidiana. Tutto deve stare in ordine, tutto deve essere sotto controllo. Che i dannati della terra si suicidino se vogliono sbarazzarsi della loro disperazione, ma che non vengano ad insozzare il tappeto davanti alla porta o quello davanti allo schermo, che non protestino, che non si ribellino. Così nelle strade rimarranno solo cittadini, più o meno soddisfatti ma pur sempre in fila.
È proprio vero: «Le foreste precedono gli uomini, i deserti li seguono». Quello che pubblichiamo è un articolo apparso in Francia poche settimane prima della devastazione della «giungla» di Calais — che rende chiaro sia cosa c'era in gioco sia come mettere i piedi sul tavolo — e pubblicato sul n. 5 di
Paris sous tension nel gennaio di quest'anno.

Sotto minaccia

Fuoriporta

Sotto minaccia

Note su alcune evoluzioni repressive sul terreno della guerra sociale

 
Un anno fa...
 
La direttiva anti-terrorismo emanata dall'Unione Europea per essere accolta nella legislatura dei paesi membri risale già al 2003. È stata prodotta sulla scia delle misure anti-terroristiche e dell'inizio della «war on terror» in seguito agli attentati dell'11 settembre 2001. All'epoca era stata presentata dai legislatori come una specie di versione light del Patriot Act statunitense. Ma ovviamente non era questo. Nel frattempo, tutti i paesi dell'Unione Europea l'hanno adottata (ad eccezione dei paesi che già disponevano di leggi più dure in materia di terrorismo, come la Spagna). E lo Stato belga figura fra i primi. A mano a mano, nel corso degli anni e dopo diversi tentativi (piuttosto infruttuosi) di utilizzarla soprattutto contro comunisti turchi e comunisti curdi, la legge è stata oggetto di molti adattamenti, col risultato di un progressivo affinamento della definizione di «terrorismo». È inutile dedicare ancora molte parole a tale definizione: potenzialmente può riguardare ogni espressione, ogni atto ed ogni pensiero di critica allo Stato. Semplice. Quindi, questa legge non è certo nuova. Per combattere la sovversione, gli Stati si sono sempre dotati di un ampio armamentario giuridico, a cui in caso di bisogno si aggiungono decreti di eccezione, manovre dei servizi segreti, «guerra sporca» di sterminio.

Dawa ovunque contro la maxi-prigione!

Fuoriporta

Dawa ovunque contro la maxi-prigione!

Al momento dell’avvio dei lavori, lo Stato resta sempre determinato a realizzare il suo progetto della maxi-prigione. Esso agita lo spettro della repressione contro chi lotta. Ha bisogno di difendere questo investimento gigantesco, parte di un piano ancora più vasto di una decina di nuove galere.
Il suo obiettivo è chiaro: rinchiudere sempre più persone per sempre più tempo.
E queste misure non sono riservate ai soli prigionieri di dentro. Anche fuori, il giro di vite si generalizza: con condizioni di sopravvivenza sempre più dure, migliaia di persone espulse dal mondo del lavoro, nuove uniformi che pullulano, telecamere di sorveglianza a tutti gli angoli delle strade… La maxi-prigione è solo la ciliegina sulla torta.

Di fronte alla guerra e allo stato d’assedio

Fuoriporta

Di fronte alla guerra e allo stato d’assedio: rompiamo le righe

Stato d’assedio a Bruxelles. Centinaia di militari appostati nella via, migliaia di poliziotti pattugliano le strade della capitale europea. Scuole e università sono chiuse, la rete dei trasporti è quasi paralizzata. Le strade sono sempre più deserte, la paura contagia. I controlli nelle vie si moltiplicano e avvengono col mitra alla tempia. Se lo spazio è stato saturato dalle forze di polizia, anche le menti lo sembrano. E forse ancor peggio.
Sembrano finiti i tempi in cui gli Stati europei potevano far la guerra altrove nel mondo con attacchi aerei, occupazioni, aperture di nuovi mercati, sfruttamento selvaggio e saccheggio delle risorse, preservando i propri territori da atti di guerra per quanto non proprio simili, in ogni caso con la stessa logica. La guerra ha colpito il cuore della capitale francese, e non svanirà furtivamente. E ogni logica di guerra raccomanda di colpire nel mucchio. Come fanno gli Stati fin dalla loro esistenza, contro i propri sudditi e contro i sudditi di altri Stati. Come hanno fatto e fanno tutti coloro che aspirano a conquistare il potere, a imporre il proprio dominio. Che sia islamico o repubblicano, democratico o dittatoriale. Perché il dominio si insedia calpestando la libertà, la libertà di ciascun individuo. Autorità e libertà si escludono reciprocamente.
Alla guerra come alla guerra, quindi.

Guerra civile ultimo bastione del potere

Fuoriporta

La guerra civile come ultimo bastione del potere

A quattro anni dalla marea insurrezionale che ha travolto i paesi del nord Africa e del mondo arabo riempiendo i nostri cuori di speranza, ci troviamo oggi a vivere un momento tragico. Un momento dove quotidianamente vengono compiuti massacri di rivoltosi e oppositori a colpi di attentati suicidi, bombardamenti aerei e missili lanciati a distanza da navi da guerra.

 

Se non vogliamo che il futuro si trasformi, citando Orwell, in «uno stivale che schiaccia una faccia umana – per sempre», allora è necessario prepararsi fin d'ora ad affrontare le nubi tempestose che si preannunciano all'orizzonte, a fare in modo che mai più, allo scoppio di insurrezioni e di rivoluzioni, i rivoltosi si ritrovino ad essere isolati e massacrati dal potere, a cercare di scatenare rivoluzioni in ogni paese in cui ci troviamo, mostrando quella solidarietà pratica tra combattenti della libertà su cui la società del domani sarà costruita.

Nulla sarà come prima

Fuoriporta

Nulla sarà come prima

No alla costruzione del centro giudiziario di Monaco!

 
A partire da quest'anno devono iniziare a Neuhausen i lavori per la costruzione del Centro giudiziario, sulla Leonrodplatz. Tutti i ministeri di Stato esistenti e i tribunali di Monaco saranno ospitati in un edificio che sorgerà in tale sito. La resistenza contro questa grande opera della repressione si sta manifestando con azioni quasi quotidiane. Di recente una lettera recapitata nelle cassette postali degli abitanti del quartiere, ed incitante al sabotaggio e alla rivolta contro i responsabili del progetto, ha attirato l'attenzione di inquirenti e giornalisti. Secondo il portavoce della polizia di Monaco, «I 284 atti di vandalismo sono da attribuire al gruppo da cui proviene questa lettera. Fra i danni si contano veicoli incendiati, vetrine infrante e lancio di bottiglie di vernice, per un ammontare di circa 357.000 euro. La lettera è attualmente sotto esame all'ufficio della procura». Il testo della lettera è apparso sul giornale anarchico di Monaco Fernweh.

L'urlo della rabbia

Fuoriporta

L'urlo della rabbia

Le mura della prigione di Forest rimbombano... molto forte

Quando ci giungono echi che riescono a perforare le mura della prigione di Forest, quando si è subita la reclusione in quelle celle putride, quando si fa visita ad un parente devastato dalla detenzione, c'è solo una reazione sensata possibile: l'urlo della rabbia.

Gli anni passano, i suicidi e i morti in questa galera di Bruxelles si susseguono, gli scandali che scoppiano di tanto in tanto si dissolvono altrettanto rapidamente di come sono apparsi e le condizioni di detenzione non fanno che peggiorare. Gli anni passano, e ogni giorno che questo carcere resta in piedi diventiamo in qualche modo tutti più complici delle atrocità che lo Stato infligge ai detenuti nel nome della Legge e dell'Ordine.

I recuperatori dell'esistente

Fuoriporta

I recuperatori dell'esistente

un insorto non incline al pentimento

Nel secondo numero di questa pubblicazione, abbiamo già scritto sul ruolo d'integrazione nel sistema sia delle ONG sia di diversi gruppi di sinistra e riformisti al fine di pacificare sollevamenti e conflitti con l'assimilazione di differenti lotte privandole delle caratteristiche fondamentali che avevano acquisito. Abbiamo già detto che in tal modo il sistema, attraverso i suoi programmi di orientamento sociale cittadino, integra nei suoi ranghi gruppi potenzialmente pericolosi per la pace sociale o la stabilità del paese. A fianco delle istituzioni, diversi collettivi dello spettro della sinistra partecipano a questo ruolo di recupero.
Ciò che noi chiamiamo «recupero» è costituito da tutto un insieme: quando una lotta tende a radicalizzarsi si vede integrata nel sistema da gruppi di sinistra e da ONG; e quando lo Stato stesso si incarica di questo compito utilizza i propri mezzi per recuperare tali lotte e porle sotto il suo controllo, la sua sorveglianza, la sua guida. Ciò avviene anche quando alcuni gruppi di sinistra cercano di prendere parte a lotte conflittuali giungendo a proporre riforme e mediazioni con lo Stato, rendendole così vulnerabili al controllo del sistema.
È ovvio ma necessario sottolineare che le truppe d'assalto dello Stato giocano un ruolo importante nel processo di recupero e di assimilazione dei sollevamenti o delle rivolte.
Ecco alcuni esempi.

Agli incontrollabili

Fuoriporta

Agli incontrollabili

Nessun passo indietro:
attacchiamo la maxi-prigione,
i suoi costruttori e i suoi difensori!
 
Coraggio e determinazione a chi lotta contro il potere e per la libertà!
 
L'ordine deve regnare: è il motto di ogni potere. Il suo ordine lo conosciamo: i suoi massacri alle frontiere, il suo sfruttamento sul lavoro, il suo terrore nelle carceri, il suo genocidio delle guerre, il suo avvelenamento dei nostri polmoni, la sua devastazione di tutto ciò che è bello e libero, la sua ideologia nelle nostre menti e il suo svilimento dei nostri cuori. E a Bruxelles il potere ha fatto un salto di qualità. Si tratti dei negozi per gli eurocrati o dei nuovi loft per i ricchi, degli sbirri che si moltiplicano come conigli o delle telecamere che spuntano come funghi, dei nuovi centri commerciali o del piano urbanistico per rafforzare il controllo, il messaggio è chiaro; l'ordine deve regnare e i poveri, gli esclusi, i clandestini, i criminali, i ribelli, noi, siamo indesiderabili in questa città, buoni solo ad obbedire e a curvare la schiena o a crepare.

Le capre di Haren

Fuoriporta

Le capre di Haren

Un irresponsabile

Qualche settimana fa, in seguito a diversi attacchi anonimi contro alcuni responsabili del progetto della maxi-prigione che lo Stato belga spera di costruire a Bruxelles, un blog internet di Haren, dove per l’appunto si trova il terreno prescelto, ha denunciato «elementi incontrollabili [che] finiscono col guastare la credibilità» della lotta. Il 3 giugno scorso, facendo avanzare senza esitazione la sua coraggiosa crociata per la pace dei cimiteri, lo stesso blog gestito da un cadavere locale si è affrettato a prendere le distanze dall’azione incontrollata… delle capre del suo villaggio.
Quel giorno, di buon mattino, gli ovini ribelli hanno infatti abbandonato il loro recinto situato nello spazio occupato della futura (oppure no) maxi-prigione, per andare ad esplorare nuove strade, forse in cerca di spazi meno angusti. Cammin facendo, le caprette sono perfino giunte a perturbare per diverse ore il traffico ferroviario della linea Vilvorde-Haren. La storia non dice se l’erba fosse davvero più verde che altrove, ma mostra in ogni caso che solo uscendo dai sentieri battuti possono nascere orizzonti ricchi di promettenti incognite.

Pagine